Passa alle informazioni sul prodotto
1 su 2

-

PSDIUM CATTLEIANUM "LITTORALE" GIALLO (GUAYABITO LIMON)

PSDIUM CATTLEIANUM "LITTORALE" GIALLO (GUAYABITO LIMON)

Prezzo di listino €40,00 EUR
Prezzo di listino Prezzo scontato €40,00 EUR
In offerta Esaurito
Imposte incluse.
PIANTA ALTEZZA

TEMPERATURA MINIMA SOPPORTATA -4°C

(DATO RIFERITO A PIANTA ADULTA IN CONDIZIONI OTTIMALI DI UMIDITA' E SUOLO)


Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Psidium Cattleyanum (Piante del mondo: Psidium Cattleianum) , [2] [3] comunemente noto come guava Cattley , guava fragola o guava ciliegia , è un piccolo albero (2–6 m di altezza) della famiglia delle Myrtaceae (mirto). La specie prende il nome in onore dell'orticoltore inglese William Cattley . Il nome del suo genere Psidium deriva dal latino psidion , ovvero "bracciale". [4] La varietà a frutto rosso, P. Cattleyanum var. Cattleyanum , è comunemente noto come guava viola, guava rossa , guava rossa e guava rossa. [2] La varietà a frutto giallo, P. Cattleyanum var. littorale è variamente conosciuto come guava gialla , guava gialla alla fragola, guava gialla alla ciliegia, [2] guava al limone e alle Hawaii come waiawī . Sebbene P. cowyanum abbia usi economici selezionati, [2] [5] [6] è considerata la pianta più invasiva delle Hawaii. [7] [8]

Descrizione

Lo Psidium Cattleyanum è un piccolo albero molto ramificato che raggiunge un'altezza massima di 13 metri, anche se la maggior parte degli individui è compresa tra 2 e 4 metri. [9] P. Cattleyanum ha una corteccia liscia, da grigia a bruno-rossastra, con foglie da ovali a ellittiche che crescono fino a 4,5 cm di lunghezza. Dà frutti quando le piante hanno tra i 3 ed i 6 anni. Questo frutto ha una buccia sottile che varia dal giallo al rosso scuro o viola, ha forma ovale e raggiunge una lunghezza di circa 4 cm. I suoi fiori crescono individualmente o in gruppi di tre e ogni fiore ha cinque petali. [9]

P. Cattleyanum si riproduce tramite l'allegagione del seme e tramite la clonazione. I polloni prodotti clonalmente tendono ad avere un'area fogliare maggiore. [10] Sebbene sia originario del Brasile, è ora distribuito in molte regioni tropicali. [6] [8] Fu introdotto alle Hawaii già nel 1825 per creare un mercato agricolo per i suoi frutti, ma deve ancora essere un prodotto commercialmente valido. Ora è molto diffuso negli ecosistemi delle foreste pluviali tropicali a causa principalmente del trasporto accidentale e delle sue proprietà vegetali invasive. [6] [11]

P. Cattleyanum ha un impatto economico modesto alle Hawaii grazie ai suoi frutti commestibili. [2] [12] Tuttavia, i prodotti a base di P. Cattleyanum non sono disponibili in commercio a causa della mancanza di mercato e della forte presenza di moscerini della frutta. Ciò rende i frutti immangiabili subito dopo la raccolta. [12] I suoi semi hanno molti benefici per la salute, tra cui proprietà antiossidanti, antinfiammatorie e antimicrobiche, oltre a un'elevata quantità di vitamina C. [9] [13]

Ecologia 

P. Cattleyanum si trova principalmente negli ambienti della foresta pluviale tropicale mesica [10] ad altitudini fino a 1300 m, ma si trova principalmente al di sotto degli 800 m. [14] Il suo areale originario è limitato al bacino amazzonico del Brasile, ma si è diffuso in molte altre aree tropicali con caratteristiche simili. [7] [10]

P. Cattleyanum non domina le comunità vegetali nel suo areale nativo. [6] Ma è invasivo a causa della sua robusta tolleranza a molti ambienti diversi. [15] P. Cattleyanum è prevalente sia negli habitat indisturbati [10] che in quelli altamente disturbati lungo le strade del suo areale invasivo. [14] La sua qualità invasiva può essere spiegata da un'elevata quantità di variazione genetica, poiché varianti di diversi colori di frutta si raggruppano a diverse altitudini. [16] Inoltre, P. Cattleyanum è molto tollerante all'ombra [14] ed è in grado di sopportare terreni con un livello di pH da moderato ad alto. [17] È anche in grado di sopportare una pesante lettiera di foglie e di rispondere alla flessione o alla rottura dei suoi rami generando germogli vigorosi. [16]

P. Cattleyanum è spesso associato a suini selvatici invasivi [10] [15] Le due specie si trovano spesso una accanto all'altra, molto probabilmente perché i maiali selvatici contribuiscono alla diffusione di P. Cattleyanum . I maiali disturbano gli habitat scavando nel terreno, rendendo più facile per i semi di P. Cattleyanum raggiungere il suolo. Inoltre, i maiali selvatici possono ingerire i frutti, i cui semi raggiungono il terreno negli escrementi dei maiali selvatici. [10]

Ricerche preliminari suggeriscono che P. Cattleyanum è allelopatico , [14] poiché è stato scoperto che le sue radici inibiscono la crescita di almeno altre due specie di piante quando il pH del suolo non era un fattore. [18]

Specie invasive 

Crescita invasiva alle Hawaii

Originario del Brasile , dove è conosciuto come araçá (ara-SAH) e dell'adiacente Sud America tropicale , è strettamente imparentato con la guava comune ( P. guajava ) e, come quella specie, è una specie diffusa e altamente invasiva nelle aree tropicali di tutto il territorio indiano. e gli oceani Pacifico. [7] Occupa anche foreste subtropicali umide [19] come nelle Azzorre , sebbene lì non sia così invasivo. [20] Tende a formare boschi densi e monotipici che impediscono la ricrescita delle specie autoctone ed è molto difficile da sradicare; fornisce inoltre rifugio ai moscerini della frutta che causano ingenti danni all'agricoltura. [21] È in grado di propagarsi rapidamente grazie alla diffusione dei suoi semi, che avviene quando i semi cadono e quando gli uccelli e i maiali selvatici trasportano i frutti, [10] così come attraverso i germogli delle sue radici.

È stato introdotto in molte delle aree che ora invade a causa dell'utilizzo umano come coltura per i suoi frutti commestibili. [8]

La guava di Cattley è naturalizzata sporadicamente nelle zone costiere del Queensland e nel nord del New South Wales. È naturalizzato anche sull'isola di Lord Howe, sull'isola di Norfolk e sull'isola di Christmas (Navie 2004; Queensland Herbarium 2008). La varietà gialla produce ancora più pesantemente della rossa e generalmente ha frutti più grandi. [22]

P. Cattleyanum cresce efficacemente in aree indisturbate, [10] complicando gli sforzi di ripristino in habitat sensibili. La sua ubiquità negli ecosistemi danneggiati confonde ulteriormente la gestione a causa della sua elevata dispersione da questi habitat meno sensibili ad habitat più fragili. [16]

P. cowyanum agisce come un invasivo creando fitti boschetti che affollano la luce solare, limitando la possibilità di coesistenza di altre specie vegetali. [23] La sua capacità di prosperare in una varietà di habitat diversi in molte condizioni ecologiche diverse [16] minaccia la flora nativa di molti tipi di habitat diversi. [23] Inoltre, le sue potenziali qualità allelopatiche [14] complicano ulteriormente la capacità di coesistere di altre specie vegetali. [18]

La guava è anche una delle specie più invasive della Riunione, dove costituisce una minaccia per le foreste endemiche.

Strategie di controllo 

Crescita fitta di boschetti nelle foreste delle Hawaii

Una varietà di strategie di gestione è stata applicata agli sforzi di gestione di P. Cattleyanum a causa della sua ubiquità e dei vari modi in cui si diffonde. [11] Nonostante la grande minaccia che P. Cattleyanum rappresenta per molti ecosistemi tropicali, alcuni studi indicano che i gruppi isolati possono essere completamente sradicati dopo tre o quattro anni di applicazioni di gestione adeguate, come il taglio e la combustione di individui maturi e l'applicazione di erbicidi sui ceppi. [12] Tuttavia, la gestione continua del follow-up è necessaria a tempo indeterminato dopo un periodo di ripristino ad alta intensità. [12] Questa strategia di gestione, nota come “aree ecologiche speciali”, è uno dei modi più efficaci per controllare le specie vegetali nel tempo. [12] Funziona concentrando la rimozione del legno, la combustione e altri sforzi di gestione negli sforzi designati. [12]

I maiali selvatici e gli uccelli non autoctoni contribuiscono alla diffusione di P. Cattleyanum attraverso la dispersione dei semi. Pertanto, alcuni sforzi di controllo comportano la rimozione e il controllo della fauna invasiva. [10] Tuttavia, i risultati di tali sforzi sono spesso infruttuosi a causa della mancanza di dipendenza dagli animali per la dispersione, poiché la germinazione avviene in un'ampia varietà di condizioni. [10]

Un'altra tecnica di gestione è l'introduzione di insetti che agiscono come parassiti sulle piante invasive. [11] Questo approccio di controllo biologico viene utilizzato perché alcuni insetti causano danni al P. Cattleyanum in un modo che impedisce all'albero di riprodursi o li uccide completamente. La maggior parte degli insetti proposti infettano l'albero con galle di gemme o foglie, impedendo di fatto la crescita dei frutti o la fotosintesi. [11] Ad esempio, Dasineura gigantea ha causato galle sui germogli che hanno inibito la crescita dei germogli. [11] La scaglia brasiliana è un potenziale agente di controllo biologico utilizzato in Florida , [24] e nelle Hawaii . [25] Tuttavia, alcuni insetti non possono essere utilizzati a causa della possibilità che alcune specie attacchino più di P. Cattleyanum . [11] Una volta tali specie, la sega ( Haplostegus epimelas ), attaccavano le piante di guava prodotte commercialmente oltre all'invasivo P. bestiameyanum . [11]

Utilizza 

Il frutto intero può essere consumato poiché sia ​​la buccia sottile che l'interno succoso sono morbidi e gustosi. Può essere utilizzato anche per preparare marmellate e succhi. La pelle viene spesso rimossa per un sapore più dolce. I semi sono piccoli e di colore bianco. Le sue foglie possono essere preparate per il tè. [26] Il legno dell'albero è duro, compatto, durevole e resistente e viene utilizzato per lavori al tornio, manici di utensili, carbone e legna da ardere. La pianta è indispensabile per la piantumazione mista nel rimboschimento di aree bonificate e protette in Brasile. [27]

Si dice che le collane siano realizzate artigianalmente in Tanzania legando insieme perline fatte di singoli frutti. [28]

Galleria

 

 

 

 

RICHIEDI FOTO

Scrivimi su WhatsApp al +3472475878 per ricevere foto piante in vendita

Visualizza dettagli completi