Passa alle informazioni sul prodotto
1 su 10

-

CAESALPINIA SPINOSA (GOMMA DI TARA)

CAESALPINIA SPINOSA (GOMMA DI TARA)

Prezzo di listino €10,00 EUR
Prezzo di listino Prezzo scontato €10,00 EUR
In offerta Esaurito
Imposte incluse.
PANTA ALTEZZA

TEMPERATURA MINIMA SOPPORTATA -1°C

(DATO RIFERITO A PIANTA ADULTA IN CONDIZIONI OTTIMALI DI UMIDITA' E SUOLO)

 

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

La tara spinosa , comunemente conosciuta come tara ( quechua ), [1] detta anche carruba peruviana [2] o carruba spinosa , [2] è un piccolo albero leguminoso o arbusto spinoso originario del Perù . [3] T. spinosa è coltivata come fonte di tannini a base di una struttura di acido chinico galloilato [4] Questa struttura chimica è stata confermata anche mediante LC–MS . [5] Viene coltivata anche come pianta ornamentale per i suoi grandi fiori colorati e i suoi baccelli.

Nomi e tassonomia 

I suoi nomi comuni includono holdback spinoso, tara , taya e algarroba tanino (Perù).

La Tara spinosa appartiene alla famiglia delle Fabaceae , alla sottofamiglia Caesalpinioideae e alla tribù Caesalpinieae . [6]

Descrizione

La tara spinosa cresce tipicamente di 2–5 m (6,6–16,4 piedi); la sua corteccia è grigio scuro con spine sparse e rametti pelosi. Le foglie sono alterne, sempreverdi, prive di stipole , bipennate e prive di ghiandole peziolari e del rachide . Le foglie sono costituite da tre a dieci paia di foglioline primarie lunghe meno di 8 cm (3,1 pollici) e da cinque a sette paia di foglioline secondarie ellittiche subsessili, ciascuna lunga circa 1,5–4 cm (0,6–2 pollici). Le infiorescenze sono racemi terminali lunghi 15–20 cm (5,9–7,9 pollici) , molti fioriti e ricoperti di minuscoli peli. I fiori vanno dal giallo all'arancio con petali da 6 a 7 mm ; il sepalo inferiore è a forma di barca con numerosi denti marginali lunghi; gli stami sono gialli, di lunghezza irregolare e appena sporgenti. Il frutto è un baccello indeiscente piatto, oblungo , lungo circa 6–12 cm (2,4–4,7 pollici) e largo 2,5 cm (0,98 pollici), contenente da quattro a sette semi neri rotondi, che arrossano quando maturi. [7]

Distribuzione e habitat 

La Tara spinosa è originaria del Perù e può essere trovata in crescita in tutto il Sud America settentrionale, occidentale e meridionale, dal Venezuela all'Argentina. È stato introdotto nelle parti più aride dell'Asia, del Medio Oriente e dell'Africa e si è naturalizzato in California. T. spinosa cresce nei lomi quasi senza pioggia o nelle oasi nebbiose del deserto costiero peruviano. [8]

Generalmente resistente alla maggior parte degli agenti patogeni e dei parassiti, cresce ad altitudini comprese tra 0 e 3.000 m (9.800 piedi) sul livello del mare e tollera climi secchi e terreni poveri, compresi quelli ricchi di sabbia e rocce. Per propagarsi, i semi devono essere scarificati (trattati per rompere la dormienza fisica) e le giovani piante devono essere trapiantate in campo a 40 cm (16 pollici) di altezza; gli alberi iniziano a produrre dopo 4-5 anni. I baccelli maturi vengono solitamente raccolti a mano e generalmente essiccati al sole prima della lavorazione. Se ben irrigati, gli alberi possono continuare a produrre per altri 80 anni, anche se la loro produzione massima è tra i 15 e i 65 anni. [9]

Utilizza 

Industriale 

I baccelli di tara spinosa sono un'eccellente fonte di tannini (tannini di tara) più comunemente utilizzati nella produzione di pelli per autoveicoli e mobili. [10] Questa industria in crescita si sta sviluppando attorno alla loro produzione in Perù. Alcuni produttori hanno le proprie piantagioni per garantire una qualità costante.

I derivati ​​del tannino di tara vengono proposti come antivegetativa contro gli organismi marini che possono svilupparsi sugli scafi delle navi. [11] Tali tannini sono del tipo idrolizzabile . L'acido gallico è il principale costituente dei tannini di tara (53%) e può essere facilmente isolato mediante idrolisi alcalina dell'estratto vegetale. [12]

Anche l'acido chinico è un costituente dei tannini di tara. [13] I suoi tannini sono incolori o chiari rendendoli adatti come premordente nella tintura del cotone e di altre fibre di cellulosa. [14]

L'albero può anche essere una fonte di legname e legna da ardere e come recinto vivo.

I semi possono essere utilizzati per produrre la tintura nera, mentre dalle radici si può ottenere la tintura blu scuro.

Additivo alimentare 

La gomma di tara è una polvere bianca o beige, quasi inodore, prodotta separando e macinando l' endosperma dei semi di T. spinosa . [2] La gomma di tara è costituita da una catena principale lineare di unità (1-4)-β-D-mannopiranosio collegate da collegamenti (1–6) con unità α-D-galattopiranosio . [15] Il componente principale della gomma è un polimero galattomannano simile ai componenti principali delle gomme di guar e di semi di carrube ampiamente utilizzate nell'industria alimentare. Il rapporto tra mannosio e galattosio nella gomma di tara è 3:1. [16] La gomma di tara è stata ritenuta sicura per il consumo umano come additivo alimentare. [17]

La gomma di tara viene utilizzata come agente addensante e stabilizzante in numerose applicazioni alimentari. Una soluzione di gomma di tara è meno viscosa di una soluzione di gomma di guar della stessa concentrazione, ma più viscosa di una soluzione di farina di semi di carrube . Inoltre la gomma di tara presenta una stabilità acida intermedia tra la gomma di carrube e la gomma di guar. Resiste all'effetto di depolimerizzazione degli acidi organici fino a pH 3,5. Questa gomma è stabile anche al trattamento ad alta temperatura, fino a 145 °C in un impianto a processo continuo. Si possono produrre miscele di tara con amidi modificati e non modificati che hanno proprietà di stabilizzazione ed emulsionamento migliorate e vengono utilizzate nella preparazione di cibi pronti, come il gelato . Un esempio è il marchio americano di gelati Breyers .

Il numero europeo dell'additivo alimentare per la gomma di tara è E417. La gomma di tara è elencata nell'elenco canadese degli agenti emulsionanti, gelificanti, stabilizzanti o addensanti consentiti (elenchi degli additivi alimentari consentiti) come voce T.2B. [18]

Problemi di salute della farina di Tara

Il 19 luglio 2022, l'azienda alimentare Daily Harvest ha identificato la farina di tara, che deriva dai semi della Tara spinosa , [19] come l'ingrediente che aveva fatto ammalare centinaia di suoi clienti. [20] Una manciata di azioni legali sono state intentate contro la società. [21] Il composto chimico ipotizzato responsabile è la baikiaina . [22]

Shipping & Returns

Dimensions

Care Instructions

Visualizza dettagli completi