Passa alle informazioni sul prodotto
1 su 3

-

HYLOCEREUS / SELENICEREUS UNDATUS VAR. DELIGHT - PIANTA (PITAYA)

HYLOCEREUS / SELENICEREUS UNDATUS VAR. DELIGHT - PIANTA (PITAYA)

Prezzo di listino €25,00 EUR
Prezzo di listino Prezzo scontato €25,00 EUR
In offerta Esaurito
Imposte incluse.

TEMPERATURA MINIMA SOPPORTATA +1°C

(DATO RIFERITO A PIANTA ADULTA IN CONDIZIONI OTTIMALI DI UMIDITA' E SUOLO)

 

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Selenicereus undatus , il pitahaya a polpa bianca , è una specie del genere Selenicereus (precedentemente Hylocereus ) della famiglia delle Cactaceae [1] ed è la specie più coltivata del genere. Viene utilizzato sia come vite ornamentale che come frutto: il pitahaya o frutto del drago . [3]

Come tutti i veri cactus , il genere è originario delle Americhe , S. undatus è originario del Messico fino all'Honduras; [4] potrebbe essere un ibrido . È più frequentemente attribuito all'isola della Martinica nelle Indie occidentali [5]

Descrizione

La pitahaya rossa al mercato di Chiayi, Taiwan
I fiori a Roma

Pianta 

Gli steli del frutto del drago sono scandenti (abitudine ad arrampicarsi), striscianti, estesi o arrampicati e si ramificano abbondantemente. Possono essercene da quattro a sette, tra 5 e 10 m (16 e 33 piedi) o più, con giunti da 30 a 120 cm (da 12 a 47 pollici) o più lunghi e da 10 a 12 cm (da 3,9 a 4,7 pollici) spesso; con generalmente tre costole; i margini sono cornei (simili a un corno) con l'età e ondulati. [3]

Le areole , cioè la piccola area recante spine o peli su un cactus, sono larghe 2 mm (0,079 pollici) con internodi da 1 a 4 cm (da 0,39 a 1,57 pollici). Le spine sui rami adulti sono lunghe da 1 a 4 mm (da 0,039 a 0,157 pollici), sono da aciculari (aghiformi) a quasi coniche e di colore da marrone grigiastro a nero e diffuse, con un'epidermide verde intenso. [3]

 

Fiori 

I fiori notturni profumati sono lunghi da 25 a 30 cm (da 9,8 a 11,8 pollici), larghi da 15 a 17 cm (da 5,9 a 6,7 ​​pollici) con il pericarpello lungo da 2,5 a 5 cm (da 0,98 a 1,97 pollici), lungo circa 2,5 cm (0,98 pollici) ) spesse, bratteole ovate, acute, lunghe da 2,5 a meno di 4 cm (1,6 pollici); ricettacolo spesso circa 3 cm (1,2 pollici), le bratteole sono lineari-lanceolate, lunghe da 3 a 8 cm (da 1,2 a 3,1 pollici); tepali esterni da lanceolati-lineari a lineari, acuminati (si assottigliano in una punta), lunghi da 10 a 15 cm (da 3,9 a 5,9 pollici), larghi da 10 a 15 mm (da 0,39 a 0,59 pollici) e mucronati (terminano con una breve punta acuminata) . Il loro colore è giallo-verdastro o biancastro, raramente rosato; Questi tepali esterni, o sepali , sono circa 65 e portano il fiore a una larghezza totale fino a quattordici pollici (35 centimetri). [6] i tepali interni sono lanceolati (si assottigliano in una punta all'estremità) a oblanceolati (cioè più appuntiti alla base), lunghi fino a 10-15 cm (da 3,9 a 5,9 pollici) e larghi circa 40 mm (1,6 pollici) nel punto più largo punto e mucronato, ininterrotto, da acuto ad acuminato (appuntito) e bianco.

 

 

Gli stami, lunghi da 5 a 10 cm (da 2,0 a 3,9 pollici), sono declinati, inseriti in una zona continua dalla gola a 35 mm (1,4 pollici) sopra il pericarpello e la crema. Lo stilo (che porta lo stigma) arriva a 17, sono lunghi da 5 a 24,5 cm (da 2,0 a 9,6 pollici), robusti, spessi da 6 a 8 mm (da 0,24 a 0,31 pollici), color crema e fino a 26 lobi dello stigma, possono essere intero o talvolta diviso nella parte superiore, color crema, lungo circa 25 mm (0,98 pollici). Le camere del nettare sono lunghe 30 mm (1,2 pollici). [3]

Frutta 

Frutti maturi

Il frutto è da oblungo a ovale, lungo da 6 a 12 cm (da 2,4 a 4,7 pollici), spesso da 4 a 9 cm (da 1,6 a 3,5 pollici), rosso con grandi bratteole , con polpa bianca o, più raramente, rosa e semi neri commestibili. [3]

Habitat

Selenicereus undatus è litofita o emiepifita . È ampiamente distribuito attraverso i tropici in coltivazione. È un cactus tentacolare o rampicante, terrestre o epifita. Si arrampicano utilizzando radici aeree e possono raggiungere un'altezza di 10 metri (32,8 piedi) o più crescendo su rocce e alberi.

Sistematica

Questa specie è strettamente imparentata con S. ocamponis e S. escuintlensis . Selenicereus undatus è stato descritto da (Haw.) Britton & Rose e pubblicato in Flora of Bermuda 256. 1918. Nel 2017, DR Hunt raggruppa il genere Hylocereus all'interno del genere Selenicereus . Ciò è stato supportato da un'analisi filogenetica della tribù Hylocereeae (Korotkova, et al., 2017), pertanto questa specie è classificata con il nome Selenicereus undatus [7]


RICHIEDI FOTO

Scrivimi su WhatsApp al +3472475878 per ricevere foto piante in vendita

Visualizza dettagli completi