Passa alle informazioni sul prodotto
1 su 10

-

CARISSA MACROCARPA (PRUGNA DEL NATAL )

CARISSA MACROCARPA (PRUGNA DEL NATAL )

Prezzo di listino €25,00 EUR
Prezzo di listino Prezzo scontato €25,00 EUR
In offerta Esaurito
Imposte incluse.
CESPUGLIO ALTEZZA

TEMPERATURA MINIMA SOPPORTATA -1°C

(DATO RIFERITO A PIANTA ADULTA IN CONDIZIONI OTTIMALI DI UMIDITA' E SUOLO)

 

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera

La Carissa macrocarpa è un arbusto originario dell'Africa tropicale e meridionale. È comunemente conosciuta come la prugna del Natal e, in Sud Africa, come la grande num-num . Negli Zulu , così come nelle tribù Bantu dell'Uganda , è chiamato Amathungulu o umThungulu oBomvu . In afrikaans il frutto si chiama noem-noem .

C. macrocarpa resiste bene ai venti carichi di sale, rendendola una buona scelta per le zone costiere. Si trova comunemente nella macchia costiera del Capo Orientale e del Natal . [2] Produce foglie lucide e di un verde intenso e fiori bianchi come la neve il cui profumo profumato si intensifica di notte. Come altre specie di Carissa , C. macrocarpa è un arbusto spinoso e sempreverde contenente lattice. Fioriscono per mesi alla volta. Il frutto ornamentale carnoso, rotondo e cremisi appare in estate e in autunno (autunno) contemporaneamente alle fioriture. Nelle zone costiere temperate i frutti compaiono durante tutto l'anno. Il frutto può essere consumato direttamente o trasformato in crostate, marmellate, gelatine e salse. [2] Alcuni sostengono che oltre al frutto, la pianta sia velenosa. [3] Tuttavia, questa affermazione è un mito, forse basato su somiglianze con altre piante con linfa lattiginosa. [4] Il College of Agricultural and Environmental Sciences dell'Università della California, Davis, valuta la pianta come leggermente tossica. [5] Appare nell'elenco degli alberi nazionale sudafricano come numero 640.3.

Pianta alimentare tradizionale in Africa, questo frutto poco conosciuto ha il potenziale per migliorare la nutrizione, aumentare la sicurezza alimentare , favorire lo sviluppo rurale e sostenere la cura del territorio sostenibile. [6]

Tassonomia 

Il naturalista danese Christian Friedrich Ecklon descrisse la prugna del Natal.

Distribuzione 

La Carissa macrocarpa cresce principalmente nelle zone costiere del Sud Africa. Si può trovare sulle dune di sabbia e ai margini delle foreste costiere nel Capo Orientale e a nord del Natal e del Mozambico. La specie è presente anche in Zambia e Zimbabwe e più a nord nella Repubblica Democratica del Congo e in Kenya. [1] Oggi la pianta cresce comunemente anche nel sud della Florida ed è coltivata nel sud della California e ampiamente utilizzata come ornamentale in America centrale e nei Caraibi. [6]

Aspetti orticoli

Arbusto di prugna natale

Propagazione 

La Carissa macrocarpa è abbastanza facile da coltivare. I suoi semi germinano da due a quattro settimane dopo la semina. Lo sviluppo delle piantine è inizialmente molto lento. Le piante coltivate da seme danno i loro frutti entro i primi due anni. Una propagazione vegetativa è possibile e preferita. Il metodo più efficace consiste nell'intaccare i rametti giovani tagliandoli a metà. Quindi vengono piegati verso il basso e lasciati pendere mollemente. Dopo che i giovani rametti hanno sviluppato un callo, in circa due mesi, il taglio deve essere rimosso dal genitore e piantato nella sabbia sotto moderata ombra. Le radici si formano entro un mese. Carissa macrocarpa produrrà frutti entro i primi due anni applicando questo metodo di riproduzione. [6]

Fertilizzazione 

Il mantenimento della Carissa macrocarpa è semplice. La pianta è originaria del Sud Africa e non necessita di fertilizzanti. citazione necessaria ]

Impollinazione 

Primo piano del fiore

Nella patria della Carissa macrocarpa gli insetti notturni impollinano i fiori bianchi e bisessuali . Al di fuori della sua zona di origine, l'infruttuosità è stata attribuita a un'impollinazione inadeguata. Tuttavia, l'impollinazione manuale è possibile e in futuro si potrebbe evitare una scarsa impollinazione coltivando strutture floreali altamente favorevoli all'autofecondazione. [6]

Progettazione del frutteto 

Le siepi strette sono consigliate come disegno del frutteto per la Carissa macrocarpa a causa delle sue spine. In questo modo l'accesso ai frutti che crescono sulla sommità del cespuglio è molto più semplice. La potatura della pianta è benefica perché induce lo sviluppo di più apici fruttiferi. Oltre al taglio, è necessario fare poco lavoro di potatura per impedire al cespuglio di crescere in modo massiccio. Ciò si traduce in una quantità crescente di frutti per pianta. [6]

Raccolta

Sezione longitudinale di un frutto maturo

Con una resa minima di 3 tonnellate per ettaro nella produzione commerciale in Sud Africa, la produttività è considerata elevata. La produzione principale di frutta avviene nel periodo estivo con tempi di maturazione leggermente variabili. Quindi ogni frutto deve essere raccolto quando è maturo. In buone condizioni di crescita la pianta produce molti frutti anche durante la bassa stagione. Durante la raccolta è necessario prestare attenzione alla buccia dei frutti maturi in quanto si ammacca facilmente ed è altamente deperibile. [6]

Cultivar per la produzione agricola

Gli scienziati orticoltori in Sud Africa e negli Stati Uniti (Florida e California) hanno selezionato e nominato diversi tipi di Carissa che tendono a produrre frutti in modo più affidabile. I frutti sono più grandi, hanno una buona consistenza e contengono meno semi. In California hanno selezionato Fancy (molti frutti grandi con pochi semi), Torrey Pines (buona produzione del raccolto e abbondante polline), Frank (buon fornitore di polline ma bassa resa), Chelsey e Serena. In Florida Gifford è uno dei migliori fruttiferi. In Africa C. haematocarpa è definita adatta alle zone più aride e C. bispinosa alle altitudini più elevate. [6]

Requisiti ambientali

La Carissa macrocarpa richiede un clima subtropicale caldo e umido. Tollera diverse esposizioni come pieno sole e ombra abbastanza intensa. Essendo una pianta costiera, può resistere molto bene agli spruzzi salati dell'oceano.

Fattore Descrizione [6]
Pioggia Fino a 1000 mm/anno
Siccità Resistente alla siccità e senza necessità di irrigazione durante le zone piovose estive
Altitudine 1000 m slm (Eswatini); probabilmente fino a 1500 m.
Freddo Resistente al freddo fino a -5 °C; le giovani piante hanno bisogno di protezione
Calore Fino a 32 °C all'ombra (Pretoria); migliore crescita in piena esposizione al sole
Suolo Qualsiasi (calcare, argilla pesante, sabbia) se drena bene
Salinità Resistente al sale (5000 ppm)

RICHIEDI FOTO

Scrivimi su WhatsApp al +3472475878 per ricevere foto piante in vendita

Visualizza dettagli completi